RIFIUTI A BIANCAVILLA. IL NODO PERSONALE

Una situazione che rischia di trasformarsi in un campo di battaglia. Da una parte l’amministrazione comunale di Biancavilla, dall’altra gli operatori ecologici, un braccio di ferro appena iniziato. Di mezzo non c’è solo la questione rifiuti ma l’oggetto del contendere riguarda i posti di lavoro degli operatori. Il nuovo appalto sulla raccolta dei rifiuti, vinto a biancavilla dalla Caruter di Brolo, potrà avere ripercussioni sul personale. L’amministrazione vuole abbattere il costo della tariffa, di conseguenza reputa inevitabile il sacrifico dei lavoratori che dovrebbero decurtarsi lo stipendio, caso contrario è inevitabile il licenziamento di una decina di unità. Dall’altra i lavoratori che non vogliono sentir parlare di abbassamento del salario né di licenziamenti. Insomma l’amministrazione vuole alleggerire le bollette, i lavoratori non vogliono perdere il posto di lavoro. Gli operatori della Dusty, che dovrebbero essere assorbiti dalla ditta di Brolo sono sul piede di guerra. Intanto gli operatori ecologici hanno ufficialmente rotto la tregua, hanno fatto sapere che a Biancavilla in occasione delle feste patronali non svolgeranno il regolare servizio di raccolta dei rifiuti.  Ciò, oltre a creare un danno d’immagine alla città che rischia seriamente di trovarsi sommersa dai rifiuti nei 5 giorni più importanti dell’anno per la comunità biancavillese, ha ancora di più gettato benzina sul fuoco in una situazione esplosiva che sfugge sempre di più dal controllo tra le parti. Il sindaco Glorioso, ha parlato apertamente di ricatto, oggi durante una conferenza che si è svolta nell’aula consiliare. Il primo cittadino visibilmente commosso e con le lacrime agli occhi, ha parlato di città in ostaggio degli operatori. E in serata in piazza Roma Glorioso ha tenuto un comizio per spiegare ai cittadini la vicenda.

comizio biancavilla 1

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook