SERGIO MATTARELLA. PER LA PRIMA VOLTA UN SICILIANO AL QUIRINALE

E’ per la prima volta un Siciliano il nuovo Presidente della Repubblica: Sergio Mattarella, nato a Palermo il 23 luglio del 1941. Al Quirinale approda quello che è stato definito un “galantuomo”, un politico stimato, riservato ma di grande competenza. Ma la sua vocazione era l’insegnamento: laureato in Giurisprudenza, è diventato professore di Diritto parlamentare all’Università di Palermo. L’ingresso in politica dopo una tragedia familiare: il 6 gennaio 1980, il fratello Piersanti, presidente della regione Siciliana, viene ucciso mentre va a messa con la famiglia. L’assassinio, ad opera della mafia, avviene proprio mentre Piersanti Mattarella, allievo di Aldo Moro, si appresta ad allargare la sua giunta al Partito Comunista. Piersanti è morto tra le braccia del fratello minore Sergio, accorso subito sul luogo dell’attentato. Ed è proprio quella tragedia a spingere Sergio Mattarella verso l’impegno in politica nelle file della Democrazia cristiana. Personaggio schivo, sono rarissime le sue partecipazioni ad incontri pubblici. Tra queste ricordiamo quando Mattarella venne ad Adrano il 9 maggio del 2004 (nella foto mentre viene intervistato da Salvo Sidoti per Tva Notizie) per partecipare ad un incontro a palazzo Morabito promosso dal circolo territoriale della Margherita sul tema “Aldo Moro, un uomo di Stato, un uomo di fede, un Uomo”.

mattarella ad adrano

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook