ADRANO PIANGE GIOVANNI MINERI

E’ stata accolta con sgomento dalla comunità adranita, e non solo, la morte di Giovanni Mineri. Un uomo perbene che si era fatto apprezzare per il suo impegno politico e come educatore nel mondo della scuola. Se ne è andato a 68 anni per una grave malattia, gettando nello sconforto i suoi familiari e le tantissime persone che lo hanno conosciuto. Mineri fu un professore prestato alla politica e nella politica trasferì il suo garbo, la sua competenza e la sua intelligenza, doti non comuni che arricchirono e impreziosirono il dibattito politico soprattutto nel periodo in cui la Sinistra era al centro di grandi cambiamenti. Giovani Mineri ne diventò il punto di riferimento ad Adrano e in tutta la provincia di Catania, non solo per i suoi compagni di partito ma anche per i suoi avversari, per i quali ha rappresentato un interlocutore leale e onesto. Tra gli anni 80 e 90 ha ricoperto più volte la carica di consigliere comunale ad Adrano, fu anche assessore e segretario cittadino dei Ds. Ma Giovani Mineri si fece apprezzare anche per la sua intensa attività alla provincia, da consigliere provinciale guidò il suo gruppo a palazzo Minoriti nel periodo della presidenza di Nello Musumeci. Mineri, oltre che negli ambienti politici, lascia un vuoto anche nel mondo della scuola. Oggi lo ricordano innanzitutto i suoi allievi dell’Industriale di Biancavilla e quelli delle altre scuole dove ha insegnato innanzitutto umanità, il suo impegno a scuola proseguì da dirigente scolastico, a Caltagirone, al Benedetto Radice di Bronte, all’Ipaa di Adrano, con i ragazzi e i docenti di quest’ultimo istituto ebbe un particolare rapporto, affettuoso e attento, per garantire un diritto allo studio più dignitoso e normale. E Giovanni Mineri era semplicemente un uomo normale, quella normalità con cui ha sempre agito, in politica e a scuola, appunto con garbo e intelligenza. I funerali verranno celebrati domani alle 15,30 nella chiesa di Sant’Agostino di Adrano. Alla famiglia le condoglianze della nostra emittente.

giovanni mineri

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook