OPERAZIONE ANTIMAFIA AD ADRANO MA “NESSUN COMMERCIANTE DENUNCIA”

All’alba di oggi, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa in data 9.7.2015 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di: SCARVAGLIERI Giuseppe, (cl.1968), pregiudicato, già detenuto per altra causa; MACCARRONE Pietro, (cl.1969), pregiudicato, Sorvegliato Speciale di P.S.; COCO Francesco, (cl.1977), pregiudicato, già detenuto per altra causa; DI PRIMO Alfio, (cl.1967), pregiudicato, già detenuto per altra causa; SEVERINO Pietro, (cl.1957), pregiudicato, già detenuto per altra causa; DI MARCO Gaetano, (cl.1962), pregiudicato; DI GUARDIA Massimo, (cl.1986), pregiudicato, già detenuto per altra causa; DI MARCO Davide, (cl.1987), pregiudicato, già detenuto per altra causa; ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere di stampo mafioso, con l’aggravante di essere l’associazione armata, e DI MARCO Gaetano anche di tentata estorsione. La misura cautelare accoglie gli esiti di attività di indagine di tipo tecnico, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia ed eseguita dalla Squadra Mobile – Sezione Criminalità Organizzata e dal Commissariato di P.S. di Adrano, nei confronti dell’organizzazione mafiosa Scalisi, operante in territorio di Adrano, alleata della famiglia catanese Laudani. Le indagini, avviate nel mese di maggio 2011 e conclusesi nell’aprile 2012, hanno permesso di monitorare le dinamiche interne alla cosca in parola – che aveva subito un duro colpo a seguito dell’operazione di Polizia “Terra Bruciata”, condotta il 29 aprile 2009 dai citati uffici di Polizia, in esecuzione a due distinti provvedimenti di fermo di indiziato di delitto, emessi dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catania, nei confronti rispettivamente di 12 affiliati del clan Santangelo e di 15 affiliati del clan Scalisi. Le investigazioni hanno attestato come il boss SCARVAGLIERI Giuseppe, sebbene detenuto, continuasse a mantenerne la leadership dettando le disposizioni per mantenere il controllo delle attività illecite nel comprensorio adranita. Tra i destinatari della misura figurano MACCARRONE Pietro, attuale reggente della cosca, ed altri elementi di rango apicale quali SEVERINO Pietro e COCO Francesco, nonché DI MARCO Gaetano e DI PRIMO Alfio. Nel corso delle indagini è stato individuato un tentativo di estorsione in danno di un imprenditore impegnato nei lavori di risistemazione della S.P. 231, il quale aveva subito il danneggiamento di un mezzo meccanico di proprietà dell’azienda, in relazione al quale in data 28 dicembre 2011 erano stati tratti in arresto, in flagranza di reato, DI MARCO Davide e DI GUARDIA Massimo. L’operazione, denominata “Time-Out”, è stata illustrata dagli inquirenti nel coso di una conferenza a Catania. Per quanto riguarda l’aspetto delle tentate estorsioni, gli inquirenti hanno sottolineato la totale assenza di collaborazione da parte dei commercianti ed hanno parlato di “clima di omertà” dei commercianti adraniti

conferenzxa st

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook