“DANNI NELLE CAMPAGNE DAI CERCATORI DI FUNGHI”. LA DENUNCIA DI UN IMPRENDITORE

Ritrovarsi nella propria azienda agricola i cercatori di funghi, che magari per introdursi tagliano la rete di recinzione e danneggiano la proprietà. Un fenomeno piuttosto diffuso che viene lamentato da diversi titolari di fondi agricoli, soprattutto nelle zone di villeggiatura delle vigne, in territorio al confine tra Adrano e Biancavilla. La denuncia è del titolare di una grossa azienda agricola adranita, che non intende generalizzare ma evidenzia che ci sono cercatori di funghi che per portare a casa una bella quantità di funghi non si fanno alcuno scrupolo di introdursi nelle campagne altrui facendo danni. E’ accaduto che in diversi fondi agricoli, la rete di recinzione è stata tagliata, divelti anche diversi paletti in ferro di sostegno della rete, per entrare alcuni hanno anche fatto crollare dei muretti a secco. Ma accade anche che, chi una volta dentro, oltre a cercare funghi ne ha approfittato per rubare di tutto e di più nelle abitazioni. E’ soprattutto in questo periodo, dopo le abbondanti piogge dei giorni scorsi, che nelle strade delle vigne di Adrano e Biancavilla, è facile imbattersi in numerose auto parcheggiate ai bordi delle strade con persone munite di ceste alla ricerca di funghi. Il titolare dell’azienda agricola adranita, che ha subito notevoli danni nella sua proprietà, dice: “E opportuno ricordare, che la legge vieta di entrare nella proprietà private quando questa è recintata, e per recintata si intende non solo con una rete, ma anche con muretti e fossati. Cercatori di funghi entrano continuamente nella mia azienda agricola forzando gli ingressi. Chiedo maggiori controlli affinché tali cercatori di funghi svolgano la loro attività cosi come prevede la legge e senza danneggiare gli altri”.

tv

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook