PROGETTO PER TUTELARE I MINORI SU INTERNET. “NON LASCIAMOLI NAUFRAGARE”

Questa mattina a Catania, la polizia Postale e delle Comunicazioni, insieme alla Federazione italiana medici pediatri di Catania, ha sottoscritto un interessante protocollo d’intesa, condiviso dalla questura, con lo scopo di sensibilizzare i genitori sui pericoli che possono incontrare i propri figli su internet. “Non lasciamoli naufragare”, questo il titolo della brochure, un piccolo vademecum su come devono comportarsi i bambini su internet. 11 regole, semplici ma efficaci che se applicate possono sicuramente risultare efficaci. In primis i tablet, gli smartphone e i pc non sono giocattoli ma vanno condivisi e controllati; mai rispondere ad estranei in chat e mai rispondere a messaggi offensivi. I genitori devono spiegare ai figli che alcuni social richiedono un’età a partire dai 18 anni, dunque evitare di iscriversi con falsi profili; aggiornare sempre l’antivirus, non pubblicare foto o video che li ritraggono. E ovviamente, i genitori, non devono esimersi di controllare periodicamente le chat. Piccoli consigli, ma efficaci, perché la prudenza non è mai troppa.

postale

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook