ADRANO. NASCE “LIBERA IMPRESA” PER DIRE NO AL RACKET DEL PIZZO

Lo scorso 14 luglio, durante la conferenza stampa dell’operazione di polizia ”Time out”, il Procuratore capo Michelangelo Patanè, con amarezza aveva sottolineato la totale assenza di denunce da parte dei commercianti adraniti contro il racket del pizzo. Parole dure che però si sono rivelate fondamentali per la nascita di “Libera impresa”, l’associazione antiracket-antiusura presieduta da Rosario Cunsolo, presentata questa sera a palazzo Bianchi alla presenza proprio di Patanè. A guidarla sarà Carmelo Cottone, un commerciante che non si è mai piegato al racket del pizzo. Un caso isolato, tanto coraggio che gli è valso, nel 2012, l’onorificenza di cavaliere della Repubblica per il suo impegno concreto nel campo della legalità. Il sindaco Pippo Ferrante ha assicurato il suo sostegno all’associazione mettendo a disposizione locali dello storico palazzo Bianchi. All’incontro di oggi, moderato da Mary Sottile, presenti anche rappresentanti delle Forze dell’ordine e cittadini.

libera impresa 2

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook