ADRANO. GUASTO ALLE POMPE. ALLAGATA GALLERIA “CAPPELLONE” FCE

E’ stata grande la sorpresa questa mattina per gli operatori della Fce, all’apertura della stazione interrata “Cappellone”. La scena è stata impressionante: la galleria allagata per quasi tutta la sua lunghezza, il livello dell’acqua ha superato i binari, raggiungendo quasi la banchina della stazione. Scattato l’allarme, la tratta ferroviaria di Adrano è stata interrotta al transito dei treni. Inevitabili i disagi per i pendolari che hanno saputo dell’interruzione solo questa mattina e pertanto sono stati dirottati nel servizio sostitutivo con gli autobus nel percorso da Biancavilla Poggio Rosso sino ad Adrano Nord. Nella notte è andato in tilt il sistema delle pompe che entrano in funzione per immettere l’acqua nella vasca di raccolta in caso di pioggia, un impianto previsto perché nella zona è presente un falda acquifera. Una serie di concause hanno determinato l’allagamento della galleria, innanzitutto il temporale che si è abbattuto nel fine settimana che ha fatto ingrossare la falda acquifera, quindi la mancanza di energia elettrica che ha messo in funzione il gruppo elettrogeno per alimentare le 5 pompe della galleria, pare che il gruppo elettrogeno sia rimasto operativo per molte ore sino all’esaurimento del carburante, poi ha smesso di funzionare cosi come le pompe rimaste prive di energia elettrica; il tutto si è verificato la domenica, quindi in un giorno festivo con la stazione chiusa. Stamattina è stato affisso un avviso per informare gli utenti che la stazione era chiusa per motivi di sicurezza e che era stato istituito un servizio sostitutivo con autobus tra Adrano e Biancavilla. Per tutta la giornata i vigili del fuoco di Adrano hanno assorbito l’acqua con le motopompe e con le idrovore riversandola nella condotta idrica, ma sino a sera il livello non si è abbassato di molto, si proseguirà per tutta la notte senza sosta, per tentare di rimettere in esercizio la galleria già domani.

allagata stazione cappellone

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook