TENSIONE PER LA PROTESTA DEI FORESTALI. GROSSO. “MI HANNO MESSO LE MANETTE”

Resta alta la tensione a Palermo. I forestali siciliani, da questa mattina, sostenuti dalle sigle sindacali confederali e autonome, sono davanti la sede della Regione Siciliana, per protestare contro la loro sospensione dall’attività lavorativa, a causa di un intoppo burocratico sulla delibera Cipe che destina alla categoria 88 milioni di euro. Con i finanziamenti bloccati si fa sempre più concreta l’ipotesi che i lavoratori non riusciranno a completare il ciclo delle loro giornate, con i lavoratori divisi per fascia, 78isti, 101isti e 151isti. Da qui il clima di tensione. I momenti più concitati questa mattina, con uno scontro tra polizia e manifestanti. Il segretario regionale del sindacato autonomo del Sifus, Maurizio Grosso, è stato fermato dai poliziotti, arrivati in tenuta antisommossa, e portato in caserma. Questo pomeriggio lo ha raggiunto al telefono la nostra redazione, Grosso, tra l’altro ha dichiarato: “Mi hanno messo le manette e portato in questura, dicono che ho oltraggiato i poliziotti, ma io ho voluto solo evitare tafferugli ed ho spostato i lavoratori da un’altra parte”.

sifus

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook