INDEGNO OLTRAGGIO ALL’ASSOCIAZIONE MISERICORDIA DI ADRANO

Ignobile furto ai danni della Misericordia di Adrano. Ignoti sono entrati nella sede dell’associazione, in contrada Naviccia, ed hanno rubato la cassaforte con dentro mille euro, un computer, il sistema di registrazione delle immagini delle telecamere di sicurezza e poche decine di euro custodite nel distributore di bevande. Questo il bottino dei balordi che hanno osato violare i locali utilizzati dai volontari per la loro attività al servizio degli altri, ricordiamo che si tratta di locali diventati anche simbolo di legalità, poiché l’immobile di contrada Naviccia era stato confiscato alla criminalità organizzata e affidato alla Misericordia per fini sociali. E tra i volontari c’è grande delusione anche perché la dinamica del furto è avvolta dal mistero, si ipotizza, infatti, che i malviventi abbiano simulato l’ingresso da una finestra in ferro al primo piano, trovata spalancata, ma la finestra si può aprire solo dall’interno. Si pensa che i ladri siano entrati, invece, dall’ingresso principale al pian terreno, utilizzando le chiavi della porta principale che è stata trovata chiusa e senza nessuna effrazione. Forzata invece la porta interna dell’ufficio di presidenza che è stata sfondata con un calcio. I malfattori hanno prelevato la pesante cassaforte ed è difficile pensare che sia stata portata fuori dalla finestra considerato che pesa oltre 200 kg. Manomesse anche le telecamere di sicurezza. Sull’indegno episodio indagano i carabinieri. Amareggiato per quanto accaduto il governatore della Misericordia, Carmelo Imbarrato. “E’ vergognoso quello che è successo – dice in una intervista a Tva Notizie – i ladri hanno colpito non solo i volontari ma tutta la città”.MISERICORDIA SITO

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook