IL BLITZ DELLA LAV ALLA FIERA ABUSIVA DI BIANCAVILLA. E’ L’ORA DELLE DENUNCE

E’ l’ora delle denunce a Biancavilla dopo il caos scaturito dall’intervento  di due animaliste. E’ stata, infatti, una domenica movimentata quella di ieri a Biancavilla per il blitz della Lav alla fiera del bestiame non autorizzata allestita a piazza don Bosco nell’ambito delle feste patronali. Il bilancio è di tre feriti, un carabiniere e 2 responsabili Lav, un 85enne di Aci sant’Antonio arrestato e un adranita denunciato a piede libero. Il finimondo è scoppiato a seguito dell’intervento, tra l’altro annunciato della Lav, che ha fatto evidenziare le condizioni non idonee in cui erano tenuti gli animali, esposti in spazi ristretti e quindi in  maniera irregolare. Per questi motivi gli attivisti hanno richiesto l’intervento dei  vigili urbani che avrebbero tentennato ad intervenire, quindi si sono rivolti ai carabinieri ma la situazione è precipitata ed è sfociata in aggressioni nei confronti di Angelica Petrina e dell’avv. Pilar Castiglia della Lav ma anche di un carabiniere, colpito alla testa mentre tentava di ammanettare uno degli aggressori. Identificate anche le altre persone venute in contatto con i militari. Per il militare ferito 5 giorni di prognosi, medicati anche le due animalisti che sono state anche derubate di telefoni, borse e  documenti, per la Petrina 15 giorni di prognosi e una costola fratturata, per l’avv.  Castiglia 7 giorni di prognosi. Ma come era prevedibile, si preannunciano ripercussioni di diversa natura, considerando il fatto che un carabiniere è rimasto ferito e che si è registrato il mancato intervento da parte della polizia municipale in una fiera che non era autorizzata.  Inevitabili anche le denunce da parte della Lav, che più volte aveva segnalato la fiera abusiva, denunce nei confronti del sindaco e dei vigili urbani di Biancavilla. Ma anche i carabinieri stanno approfondendo i fatti anche sull’operato dei vigili biancavillesi. Insomma la vicenda è tutt’altro che chiusa, facile immaginare altri sviluppi e il coinvolgimento di altre persone. Intanto è stato convalidato l’arresto dell’85enne che è stato rimesso in libertà: è accusato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook