LA MULTA AL COMANDANTE. “TUTTO PAGATO, ECCO LA RICEVUTA”

Ne eravamo certi che il comandante del Corpo di polizia municipale di Adrano, Carmelo Rao, avrebbe pagato la multa, come lui stesso aveva, tra l’altro, annunciato ieri pubblicamente, dopo che la sua vettura privata, era stata parcheggiata, sprovvista di autorizzazione, in piazza Umberto, ad Adrano, negli stalli delle strisce gialle, ovvero negli spazi riservati agli automezzi comunali. Il dott. Rao oggi ci ha inviato una nota e la ricevuta del pagamento della multa. Ecco il testo integrale della nota inviata alla nostra redazione.

“Esimio Direttore S. Sidoti,

come anticipatoLe ieri, nel corso del ns. incontro, Le comunico che la multa elevata alla mia autovettura è stata oggi stesso da me pagata e della quale allego ricevuta di pagamento che prego volere cortesemente pubblicare, non per l’impegno da me assunto nei Suoi confronti ma per tranquillizzare quegli utenti dei social che si sono sbizzarriti postando gratuiti, allucinanti e solonici “pensierini”. A costoro non potrei rispondere se non con la risposta che padre Dante diede, per bocca del Sacchetti, all’asinaio di Firenze. A tutti gli altri numerosi utenti social che hanno capito che anche al Comandante può essere elevata una multa (per sosta, e non per mancata revisione o assicurazione) e che hanno manifestato la loro certezza al sicuro pagamento, porgo i miei ringraziamenti. Ringrazio anche la Sua emittente per lo spazio dato alla notizia congratulandomi con il fotografo il quale, nonostante l’età, ha fatto apparire la mia autovettura quasi nuova di fabbrica. Cordialmente”.

Da parte nostra, diciamo a chi, in maniera superficiale, ha avanzato dubbi sulla natura della notizia (parlando di “combine”, di “è stato fatto tutto apposta” e cose del genere) che ieri alla fine della  conferenza a palazzo Bianchi sull’impianto della pubblica illuminazione, abbiamo visto che stavano multando l’auto del comandante dei vigili urbani. La notizia c’era. Eccome. Tutto qua.

multa-pagata

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook