“ZERO CAPORALATO”: UN MARCHIO PER I PRODOTTI E IL LAVORO “DI QUALITA'”

“ZeroCaporalato”: è il marchio di qualità che la Uila di Catania proporrà alle aziende agroalimentari etnee per certificare produzioni realizzate “nel rispetto delle norme a tutela del lavoro dignitoso”. Lo annuncia Nino Marino, segretario regionale e territoriale  Uil, che aggiunge   “vogliamo dare concretamente seguito alla recentissima legge contro le nuove schiavitù nel settore agricolo”. L’iniziativa sarà sottoposta all’attenzione di Fai-Cisl e Flai Cgil. Un marchio, dunque, come riconoscimento all’azienda che rispetta le regole e il lavoratore e un segnale per il consumatore ad individuare prodotti di qualità, il tutto contro la piaga del caporalato. La Uila etnea, quindi, conferma il proprio impegno contro lo sfruttamento dei lavoratori e ricorda il numero verde anticaporalato 800974263, attivo da anni, ma ritiene che sia anche tempo di esaltare e far conoscere le aziende sane del settore agroalimentare ai consumatori in collaborazione con l’associazione consumatori Adoc.

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook