CENTURIPE. FALSA IDENTITA’ PER AFFITTARE TERRENO E COLTIVARE MARIJUANA. UN ARRESTO

 I Carabinieri della Compagnia di Nicosia, hanno arrestato un latitante catanese, il 45enne Antonio Consoli, ritenuto responsabile di detenzione e coltivazione  ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, sostituzione di persona, contraffazione e ricettazione. I fatti per i quali è scattato l’arresto risalgono allo scorso 11 agosto, quando i Carabinieri di Nicosia arrestarono, in flagranza, in  contrada Vallone di Fontana Murata in territorio di Centuripe, due coniugi catanesi, trovati esattamente all’interno di una piantagione dove erano interrate 160 piante di cannabis. Nel corso delle successive indagini, i militari hanno accertato che il terreno in questione era stato preso in affitto con regolare contratto dal Consoli che, al fine di assicurarsi l’impunità della coltivazione di stupefacente, utilizzando una carta d’identità rubata, si sostituì di persona inducendo in errore il proprietario dell’appezzamento. I carabinieri si sono messi quindi alla caccia  dell’uomo, che è stato catturato dopo che per 15 giorni sono stati pedinati tutti i suoi familiari. Consoli è stato raggiunto ieri mattina a bordo di un’auto mentre percorreva la stradale San Giorgio di Catania. E stato accertato che il peso complessivo dello stupefacente sequestrato, nel mese di agosto, avrebbe fruttato oltre 800 kg di sostanza, corrispondente a circa 34mila dosi singole.

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook