IL SINDACO DI BRONTE SCRIVE AL PREFETTO: “NON POSSIAMO ACCOGLIERE PIU’ DI 48 RIFUGIATI”

“Di essere accoglienti lo abbiamo già dimostrato, ma Bronte non può ospitare più di 48 rifugiati o richiedenti asilo”. E’ il pensiero del sindaco di Bronte, Graziano Calanna, che ha inviato una lettera al Prefetto di Catania, Silvana Riccio, chiedendole di tenere conto della così detta “clausola di salvaguardia”, ovvero l’intesa intesa “Anci-Viminale” che prevede che ogni Comune non possa accogliere più di 2,5 rifugiati per ogni 1.000 abitanti. “Le scrivo – si legge nella missiva – per rappresentarle la situazione del Comune di Bronte. Allo stato 3 cooperative hanno comunicato che intendono dedicarsi all’accoglienza di stranieri; una cooperativa comunica l’apertura di un Centro di prima accoglienza per 60 minori non accompagnati, un’altra per 15 stranieri e la terza per 10 minori”.  “Bronte – continua il primo cittadino – ha da tempo aderito al progetto SPRAR, ed ospita 22 rifugiati. Nella non temuta ipotesi in cui si bypassasse l’istituto della clausola di salvaguardia, fra qualche mese, i richiedenti asilo ospitati nella Comunità brontese potrebbero essere 107. Cifra che supererebbe di gran lunga quella che emerge dalla proporzione stabilita dal Ministero dell’Interno (2,5 richiedenti asilo per 1000 abitanti). Bronte – ribadisce il sindaco – non è idonea, sotto il profilo sanitario e di capacità di accoglienza delle nostre istituzioni scolastiche, per ospitare un così elevato numero di richiedenti. Fatti i calcoli Bronte non può ospitarne più di 48”.

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook