UNA NOTTE AL MUSEO DI ADRANO. IN 600 “INVADONO” IL CASTELLO

Centinaia di persone hanno trascorso il sabato sera al museo di Adrano del castello Normano, visitando le collezioni archeologiche e assistendo agli spettacoli organizzati per l’occasione. Adrano ha risposto così alla “Notte dei musei”, l’iniziativa promossa dalla Comunità Europea volta a favorire la fruizione di siti culturali. E per molti è stata l’occasione per visitare le preziosi collezioni esposte nei tre piani dello storico edificio di piazza Umberto: circa 600 le persone che hanno partecipato alla notte adranita dei musei. Il museo è rimasto aperto al pubblico dalle 20,30 sino alla mezzanotte offrendo un tema specifico della serata: “Adrano nel XII secolo da Adelicia a Nicolò”. E’ stata rievocata un’atmosfera medievale nel nome appunto della contessa Adelicia e di San Nicolò, vissuti nello stesso periodo ma in contesti molto diversi: quello del patrono San Nicolò Politi e quello della nipote di Re Ruggero II, che nel castello Normanno ci abitò.  E sono stati i piccoli alunni del Terzo circolo didattico a condurre idealmente i visitatori in quell’epoca eseguendo canti e balletti medievali, brani dedicati a San Nicolò Politi composti da padre Conti. Eseguito anche un brano di Marcantonio Barbabietola sempre dedicato a San Nicolò. Con la loro esibizione di sabato sera al museo di Adrano, i bambini del Terzo circolo didattico hanno in pratica offerto una anticipazione del musical che terranno alla villa comunale il 6 giugno. Prima della loro esibizione hanno tracciato un bilancio positivo della manifestazione il direttore del museo, l’architetto Nello Caruso, il dirigente scolastico Giuseppa Centamore, l’insegnate Marilù Coco, l’assessore Antonio Di Marzo e il prof. Matteo Bua.

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook

Clicca per connetterti e nascondere per sempre questa finestra!