ADRANO. SVERSAMENTO DI ACQUE SORGIVE IN STRADA. DISAGI IN ZONA CORSO SICILIA

Cinque mesi di disagi in via Favarotta, angolo via della Serra (zona  corso Sicilia  Adrano) per uno sversamento in strada di acque sorgive  da un  muro di contenimento di un terreno privato. I residenti sono arrabbiati e chiedono interventi urgenti: hanno inviato richieste di intervento al Comune di Adrano, lettere inviate anche all’ufficiale sanitario, alla stazione dei carabinieri e persino al Tg satirico di Canale 5 “Striscia la notizia”. Ecco il testo della nota stampa dei residenti di via Favarotta, via della Serra e Corso Sicilia

“Dallo scorso mese di gennaio in via Favarotta, angolo via della Serra (zona corso Sicilia), si registra dal muro di contenimento di un terreno adiacente alle due strade la fuoriuscita di acqua sorgiva che si riversa in strada, formando un lento scorrere delle acque. Un disagio prontamente segnalato dai residenti presso il locale Comando dei Vigili Urbani, ma senza alcun riscontro. Per tale ragione lo scorso 21 marzo tutti i residenti hanno presentato al protocollo generale del comune un esposto scritto per sollecitare l’amministrazione comunale ad un tempestivo intervento, al fine di evitare e scongiurare rischi e pericoli, anche per i passanti. Al suddetto esposto sono state date, verbalmente, da parte del Comune risposte vaghe del tipo:
• la via Favarotta non esiste nella toponomastica comunale • la competenza è dell’Acoset • la via Favarotta non è mai stata collaudata, il comune non può intervenire • la competenza è del proprietario del terreno in cui insiste la sorgente dell’acqua
Alla data odierna, a quattro mesi dalla prima segnalazione, nessun intervento risolutivo è stato messo in atto ed il problema si sta aggravando a causa del cattivo odore emesso dalle acque putride, al prolificarsi della presenza di insetti infestanti con conseguenti problemi di natura igienicosanitaria e, non ultimo, della formazione di uno strato algale che rende particolarmente scivoloso il manto stradale, con grossi rischi per pedoni e mezzi a due ruote. Alla luce di questi problemi nei giorni scorsi è stata protocollata una nuova richiesta di intervento urgente all’amministrazione comunale al fine di assicurare la salute pubblica e la pubblica incolumità di tutti i cittadini residenti”.

E sulla vicenda è giunta in redazione una nota dell’Ufficio tecnico del Comune di Adrano.

“In merito al comunicato pubblicato dagli organi di stampa riguardo lo sversamento di acque sorgive sulla via Favarotta, questa Amministrazione fa presente che tale situazione scaturisce dallo sconvolgimento del regime idraulico delle sorgenti presenti nella zona che, mentre una volta venivano utilizzate per l’irrigazione degli ortaggi, oggi sono lasciate nella loro condizione naturale,  con l’evidente conseguenza di “venire a giorno”  in qualsiasi luogo ciò si renda possibile (l’acqua comunque si fa strada). Generalmente ciò accade nei punti a livello più basso (anche sotto le abitazioni di privati), o a ridosso di muri prospicienti la pubblica via, come nel caso in esame, comportando disagi per gli abitanti della zona per la presenza di acqua (sorgiva) sulla carreggiata stradale!

In considerazione che tale disagio anche se non creato dal Comune  debba comunque venire  eliminato, l’ufficio sta procedendo alla redazione di una perizia di spesa dei lavori necessari al convogliamento delle acque sorgive, recuperando in qualche misura, se possibile, la spesa, da addebitare  ai soggetti che hanno modificato arbitrariamente  e in maniera sconsiderata il regime delle acque sorgive e provocato anche i disagi”.

 

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook