ADRANO. PICCOLI ARCHEOLOGI CRESCONO

Questa mattina al primo circolo  didattico “Sante Giuffrida” di Adrano, il mondo della scuola ha fatto registrare uno dei momenti più significativi per una iniziativa che lascerà il segno in chi l’ha vissuta da protagonista ma anche in coloro che nel tempo vedranno ciò che resterà in maniera visibile in due zone dell’istituto scolastico. Due aree della scuola sono state valorizzate nell’ambito del progetto nazionale “Cittadino di un mondo possibile”. Tutto è cominciato martedì scorso con un incontro nell’auditorium della scuola, dove il dirigente scolastico Loredana Lorena ha presentato il progetto “Apprendisti archeologi” per alunni delle quarte classi, quindi si è tenuta una autentica lezione di archeologia a cura del presidente provinciale di SiciliAntica, Piero Butera, e Agata Vicari, quest’ultima nella doppia veste di maestra e archeologa, che ha trasmesso agli alunni la sua passione per gli scavi legata alla sua missione di educatrice. Questa la fase che ha preceduto la simulazione di uno scavo archeologico di stamattina, con protagonisti i bambini in un viale della scuola che diventerà memoria storica con tanto di denominazione “L’Antica Capici”. In un’altra zona della scuola, valorizzata anche l’area accanto la biblioteca diventata “Il giardino incantato” grazie alla sinergia tra alunni, docenti e genitori. Tante le presenze questa mattina a scuola di Siciliantica: Barbagiovanni, responsabile regionale sezione giovani, Butera, presidente provinciale e  La Mela presidente della sezione di Adrano. E ancora i partner del protocollo d’intesa finalizzato all’attuazione del progetto, per il comune e il secondo comprensivo Vincenzo Calambrogio, Moschitta per la Proloco e Cardillo per la cooperativa Energ-Etica.

 

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook

Clicca per connetterti e nascondere per sempre questa finestra!