“BINARIO MORTO”. 10 GLI ARRESTATI IERI AD ADRANO. LE CONDANNE

Sono dieci le persone arrestate ieri ad Adrano dalla polizia, nell’ambito dell’operazione antidroga “Binario Morto” del 2014, a seguito della sentenza emessa in data 29.6.2016 dalla Corte D’Appello, divenuta definitiva  in data 15.6.2017 a seguito della pronuncia della Corte Suprema di Cassazione. Ecco gli arrestati e le condanne nel comunicato stampa diffuso dalla Questura di Catania:

                                                                              QUESTURA DI CATANIA

                                                                                    Squadra Mobile

 

                                                                             COMUNICATO STAMPA

La Polizia di Stato (Squadra Mobile e Commissariato P.S. Adrano) ha tratto in arresto:

  1. BUA Prospero, (cl.1992) – pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 7, mesi 4 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

  1. FIORENZA Salvatore, (cl. 1981) – pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 7, mesi 4 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

  1. GIARRIZZO Nicolò, (cl.1977) – pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 8, mesi 8 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

  1. LA MANNA Giuseppe, (cl. 1991)- pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 8 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

  1. LONGO Nino, (cl.1974)- pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 7, mesi 4 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

  1. RAVITA’ Marco,  (cl. 1974) – pregiudicato;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 3, mesi 11 e giorni 2 di reclusione per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

  1. SANGRIGOLI Agatino, (cl.1972)- pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 7, mesi 4 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

  1. TROVATO Biagio, (cl.1990) – pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 10 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

  1. ZAMMATARO Antonino, (cl.1974) – pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 8, mesi 4 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

  1. ZIGNALE Gaetano, (cl.1982) – pregiudicato – in atto agli arresti domiciliari;

destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 20.6.2017 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello – Ufficio Esecuzioni Penali, di Catania, dovendo espiare la pena di anni 7, mesi 4 di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime.

I citati provvedimenti restrittivi sono stati emessi dalla Procura Generale della Repubblica di Catania, a seguito della sentenza emessa in data 29.6.2016 dalla locale Corte D’Appello, divenuta definitiva  in data 15.6.2017 a seguito della pronuncia della Corte Suprema di Cassazione.

I predetti erano stati tratti in arresto, nell’ambito dell’operazione “Binario Morto”, condotta in data 29.4.2014 dal Commissariato di P.S. Adrano, in esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare  nei confronti di  27 persone  ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio e spaccio di sostanze stupefacenti, nonché di reati in materia di armi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook