REPLICA ACOSET. “NEL DEPURATORE SCARTI LAVORAZIONE OLIVE. SPORTE DENUNCE”

Sulla vicenda degli “scarichi sospetti” dal depuratore di Adrano segnalati dall’on. Angela Foti del M5S,  è giunta in redazione la replica dell’Acoset. L’azienda idrica che si occupa del depuratore di Adrano,  spiega che l’impianto ha avuto delle difficoltà nel funzionamento a causa dell’illecito sversamento nelle fognature degli scarti provenienti dalla lavorazione di olive. Al riguardo in una nota scrive:

“Si chiarisce che, nel corso dei giorni scorsi, sono state sporte numerose formali denunce a tutte le autorità competenti con le quali si segnalava la presenza in ingresso all’impianto di depurazione di acque di scarto della lavorazione delle olive e scarti provenienti dalla stessa lavorazione. Si precisava, nelle suddette denunce, che tale fenomeno stava minacciando, di fatto, di ridurre, in maniera importante, l’efficienza dei processi depurativi adibiti al disinquinamento dei reflui e si invitavano gli enti competenti ad effettuare un attento controllo degli scarichi in pubblica fognatura che avevano generato la problematica. Si da atto che la polizia giudiziaria, a cui va il nostro sentito ringraziamento, è immediatamente intervenuta ed ha già individuato i soggetti responsabili contro i quali sta procedendo con ulteriori indagini e accertamenti anche con la puntuale collaborazione di Arpa Sicilia ST di Catania. Al fine di tranquillizzare la popolazione, si precisa che, grazie all’azione tempestiva di tutti i soggetti coinvolti, l’impianto di depurazione è in fase di normalizzazione, nel rispetto dei tempi necessari per la completa riattivazione dei processi e della ordinaria efficienza depurativa”.

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook