ADRANO. UNA “PIAZZA DELL’ACCOGLIENZA” IN MEMORIA DELLA MAESTRA CARMELA

Le lacrime dei suoi alunni oggi sono state la testimonianza tangibile del cuore grande della maestra Carmela Politi, l’insegnante del 1° circolo didattico di Adrano, morta un mese fa e i cui organi sono stati donati.  I suoi piccoli alunni hanno pianto perché hanno perso quella che per loro era una guida non solo scolastica, lacrime anche da parte dei genitori dei bambini e delle sue colleghe durante l’incontro di questa mattina nell’auditorium della scuola. Una cerimonia semplice e toccante per scoprire la targa con cui è stato intitolato il piazzale dell’ingresso principale della scuola alla maestra Politi: da oggi si chiama “Piazza dell’Accoglienza”. Nella targa anche il motto della maestra, oggi ripetuto da tutti a scuola: “Uno per tutti…tutti per uno, che non rimanga indietro nessuno”. E poi il suo nome e cognome e le impronte di manine, a simboleggiare accoglienza, solidarietà e generosità, un po’ la sintesi della vita della maestra Carmela Politi, che se ne è andata mettendo in atto il gesto più nobile della solidarietà umana, appunto la donazione degli organi. Nell’auditorium stamattina momenti di preghiera con Frate Salvatore, scanditi da alcuni coinvolgenti canti,  poi la lettura di toccanti messaggi da parte degli alunni della maestra Carmela e di una poesia, quindi il momento più emozionante: la scopertura  della targa da parte di Maria Grazia, l’emozionatissima sorella della maestra Carmela, accanto a lei il dirigente scolastico, Loredana Lorena. “Piazza dell’Accoglienza” è diventata realtà con un volo di palloncini bianchi, liberati in cielo da Maria Grazia Politi. Una maestra non muore mai nel cuore e nella mente dei suoi piccoli allievi, che hanno imparato la lezione dell’amore e della vita.

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook