RICONOSCIMENTO A GIOVANE ADRANITA PER POESIA DEDICATA ALLA SUA TERRA

Con la sua struggente poesia “Ca’ vogghiu campari e muriri”, il 15enne adranita, Nicolò Rosano, della I A dell’istituto scolastico S. Antonio di Adrano, ha ottenuto la menzione d’onore al concorso letterario nazionale “Salva la tua lingua locale”, sezione scuola, indetto dall’Unpli, l’unione nazionale Pro loco d’Italia. Tra le 500 opere presentate dalle 100 scuole di tutta Italia, l’alunno adranita è l’unico siciliano ad avere ottenuto riconoscimenti per la sua poesia che rappresenta un atto d’amore alla sua terra, nella quale vuole continuare a vivere, nonostante le mille difficoltà, anche perché “partiri voli diri pirdiri”. Ecco il testo della poesia:

CA’ VOGGHIU CAMPARI E MURIRI

Sugnu cuntentu di stari ni’sta terra

picchì avi lu mari, lu mungibeddu e tantu suli.

E a mia ca sugnu ‘n carusu, chistu mi pò puri bastari

picchì ancora ancora aiu di chi mangiari.

Ma mi scantu a divintari ranni e ginituri

picchì a la fini di lu misi ‘nan sacciu comu c’avissi arrivari.

Ca’ tanti su i prublemi, ‘nta sta terra abbannunata,

ca astatu sempri vantata ma picca accuntitata.

Malaffari, munnizza e disoccupaziuni

fanu scuro ai biddizzi ca ni detti lu signuri.

E nuatri carusi ni sintemo cu l’animu scuraggiatu

picchi criscennu avissimu a lassari cu ni detti lu sciatu.

Ma partiri voli diri pirdiri!

Picchì ‘n populo ca non cultiva i sa’ ciuriddi

e comu suddu c’avi ‘n cannucchiali e non talia i stiddi.

Cu li iammi dei carusi si ponu fari tanti così e diviniri ‘na Sicilia fiera e opirusa.

E poi lu nostru cori è ranni e ginirusu

picchì allargamu i vrazza a cu’ iè bisugnusu.

Cu avi du occhi e ‘n cori è nostru frati e va rispittatu

ca lu culuri di la peddi na’ giustifica lu raggiatu.

 U sacciu ca è difficili ma ‘na sta Trinacria vogliu stari

picchì n’aiu dirittu e disiu

e cu l’impegnu e la didiziuni

da sicilianu vogghiu campari e muriri.

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su

Commenti su Facebook