ADRANO. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE SOLLECITA INTERVENTI PER EVITARE EVENTUALI FOCOLAI DI CONTAGIO

Il presidente del Consiglio comunale di Adrano, Aldo Di Primo, ha inviato ieri una nota al sindaco, e per conoscenza al segretario generale e al responsabile del VI settore del Comune di Adrano, avente per oggetto “Emergenza COVID-19 – disinfestazione uffici e strade comunali”, con la quale sollecita provvedimenti sull’emergenza in corso. Ecco il testo della lettera:

  “Egr. sig. Sindaco, apprendiamo dai mezzi di informazione, confermati sui social network dallo stesso protagonista dello sfortunato evento, che un operatore sanitario di Adrano sia stato contagiato dal COVID-19. La stessa persona riveste un ruolo istituzionale, e la sua presenza è stata attestata all’interno della casa comunale, presso gli uffici e le sedi politiche e amministrative.

Al fine di salvaguardare la salute dei cittadini e dei dipendenti che frequentano il locali comunali, nella qualità di Presidente del Consiglio, ritenendo di interpretare la volontà del Consiglio riguardo la tutela sanitaria di questa città

La invito a comunicare quali provvedimenti intenda disporre e quali azioni di profilassi ritiene di intraprendere per evitare il diffondersi di un focolaio di contagio, all’interno del palazzo comunale e di conseguenza nell’intera città.

Se non ritenga opportuno una tempestiva sanificazione dei locali municipali con il coinvolgimento del responsabile della sicurezza del comune.

Se non ritenga necessario attivare, di concerto con le autorità sanitarie, un immediato programma di analisi, mediante tamponi, ai dipendenti del comune, partendo da coloro che sono venuti certamente a contatto con la persona contagiata e quindi a tutto il personale comunale.

Se non intenda sospendere temporaneamente con ordinanza immediata l’accesso ai locali comunali al personale e ai cittadini.

Quanto sollecitato è dettato da una totale volontà di collaborazione. Si rimane nella disponibilità a prestare il proprio contributo, qualora si ritenesse utile, secondo quanto di propria competenza”.

 

 

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su