“MARADONA UNO DI NOI”. IL DOLORE DEI NAPOLETANI DI ADRANO

“Maradona era come una persona di famiglia. Io ora lo ricordo con un messaggio di napoletanità”. Michele Fiumarella, ispettore capo in pensione della polizia di Stato in servizio per 35 anni  al commissariato di Adrano, ricorda così il suo grande campione che ha fatto grande il Napoli calcio. All’esterno della sua casa di  Adrano, Michele ha messo in evidenza bandiere e sciarpe del Napoli del primo scudetto, prime pagine di giornali e le sue foto accanto al campione argentino, morto ieri a 60 anni. Michele non nasconde la sua commozione raccontando il suo rapporto con Maradona. (stasera servizio e intervista nel tg di Tva).

Autore: Redazione

Condividi questo articolo su